Sicilia, arte e cultura

Sicilia, il museo dell'architettura divina

Il romanziere francese Guy de Maupassant ha trovato di tutto nel paesaggio bucolico della Sicilia "cosa si fa per sedurre i nostri occhi, il nostro spirito e la nostra immaginazione sulla terra".

 

Continuava a prendere appunti; La Sicilia è la terra degli aranci, il terreno fiorito la cui aria in primavera, tutto è un profumo. Ma ciò che rende il paese degno di essere visto e unico al mondo è il fatto che, da un capo all'altro, può definirsi uno strano e divino museo di architettura.

Arancini
Sizilianische puppenteather
baroque landscape with Noto Cathedral.jp
Tal der Tempel

Possiamo solo essere d'accordo con questo. non è senza ragione che l'UNESCO ha tredici città come B. la Valle dei Templi di Agrigento, la Villa Romana del Casale presso Piazza Armerina, il Barocco a Noto, Ragusa, Modica, Catania, Militello Val di Catania, Caltagirone, Palazzolo Acreide e Scicli, Ortigia a Siracusa e la necropoli di Pantalica inoltre le Isole Eolie sono state dichiarate Città Culturali Mondiali e ne sono stati richiesti altri 15 eredi culturali e naturali.

Oltre alle bellezze architettoniche e naturali, l'UNESCO ha dichiarato due patrimoni culturali immateriali mondiali, ovvero la cucina mediterranea e il teatro delle marionette siciliano.

Il turista moderno troverà anche 29 parchi archeologici, 80 monumenti storici e aree archeologiche minori, 19 musei archeologici, 25 musei e gallerie d'arte.

Innumerevoli sono le chiese e i monasteri, tra cui le 16 cattedrali, 12 basiliche e 5 santuari di alto valore storico, come B. la cattedrale di Cefalù, Monreale, Palermo, Siracusa e Catania.

Oltre alla varietà e diversità architettonica, ci sono le bellezze naturali:

travolgente come B. Etna, Lipari, Egadi, Isole Pelagie, Ustica e Pantelleria, oltre a 4 parchi regionali e 192 riserve naturali, tutti da vedere.

Johann Wolfgang von Goethe in Sicilia

Goethe, per il quale il paesaggio sublime divenne lo stato dell'anima, delirava "l'armonia del cielo, del mare e della terra". Come molti altri, ha ceduto alla magia e al "fascino delle coste e delle montagne siciliane, della terra simile a un giardino". L'Italia senza la Sicilia non fa immagine nell'anima: ecco la chiave di tutto. Scrisse a Palermo il 13 aprile 1787, questa citazione riflette l'unicità delle sue impressioni che facevano appello a tutti i sensi.

Vorremmo trasmettervi queste impressioni nel nostro viaggio bucolico attraverso la Sicilia.

goethe.jpg